Le assicurazioni “a 4 zampe”

Le assicurazioni “a 4 zampe”

Assicurazioni per animali - PCA Consultative Broker

Gli animali domestici sono un mercato in forte crescita, non ancora del tutto sfruttato e che vede l’Italia fra i primi in Europa. In Italia si contano 60 milioni di animali domestici che vivono in casa: 30 milioni sono pesci, 13 uccelli, 7 cani e 7,5 gatti.

Per tenere animali domestici, bisogna farsi carico delle spese per il cibo e per le cure veterinarie. Secondo uno degli ultimi rapporti sugli animali di Eurispes, gli italiani spendono in media tra i 51 e i 100 euro mensili per le esigenze degli amici a quattro zampe. Inoltre il 46,2% dei proprietari di animali domestici rinuncia in alcune occasioni ad uscire o a fare un viaggio per non lasciarli soli. Meno diffusi sono l’abitudine di preparare i pasti con alimenti freschi piuttosto che offrire cibo per animali già pronto (37,3%) e ridurre le spese personali in favore di quelle per il proprio animale (32,8%).

Questo immenso mercato sta iniziando ad essere valorizzato dal mondo assicurativo. Stanno infatti nascendo sempre più prodotti assicurativi dedicati agli amici a quattro zampe.

Secondo l’indagine commissionata da Facile.it, ci sono stati più di 1,7 milioni di proprietari che, nel corso del 2018, hanno scelto di tutelare il proprio animale domestico con una polizza. Possono essere prodotti pensati non solo per coprire danni causati a terzi, ma anche per tutelare l’animale stesso, rimborsando eventuali spese veterinarie sostenute per curarlo in seguito a malattia o infortunio.

Alcune polizze possono essere valide solo se l’animale è ospitato continuativamente presso l’abitazione del proprietario. Altra discriminante da tenere in considerazione è l’età dell’animale. Molte compagnie non assicurano infatti cani e gatti con meno di tre mesi di vita o più di nove anni.

Oltre alla responsabilità civile, è possibile tutelare il proprio animale domestico anche con una polizza veterinaria, che consente di ottenere il rimborso delle spese sostenute per cure mediche e interventi chirurgici necessari a seguito di infortuni o malattie.

All’interno delle polizze dedicate a cani e gatti molte compagnie includono anche un servizio di assistenza, che va dalla consulenza telefonica di un veterinario, al consulto di un nutrizionista specializzato, dall’invio di generi alimentari o di prima necessità per la cura del proprio animale domestico sino all’intervento di un dog sitter nei casi in cui il padrone si trovasse nell’impossibilità di accudire il proprio compagno a quattro zampe.

Le polizze per animali stanno però offrendo anche delle innovazioni tecnologiche al loro interno. Alcune compagnie offrono, infatti, insieme all’assicurazione, una sorta di “scatola nera” da allacciare al collare del cane/gatto, che consentirà di monitorare i suoi spostamenti, ricevere un messaggio di allarme qualora dovesse allontanarsi da casa e di individuarlo se si dovesse smarrire. Condizioni necessarie affinché le assicurazioni per gli animali siano valide è che il cane o il gatto siano iscritti all’anagrafe, dotati di microchip (o tatuaggio), di libretto sanitario e regolarmente vaccinati.

La “cultura del rischio”, alla base della mission di PCA, inizia a diffondersi stabilmente per proteggersi non solo nelle situazioni estreme, ma soprattutto nella vita quotidiana.

I have read the Privacy Policy and give my consent to data handling*