Una risorsa per le assicurazioni sui danni catastrofali

Una risorsa per le assicurazioni sui danni catastrofali

Welfare aziendale - PCA Consultative Broker

Nel corso degli anni si è, purtroppo, verificato un numero ingente di catastrofi naturali, annoverando tra queste anche terremoti, uragani, cicloni, tempeste tropicali ecc.…, che oltre ad avere avuto conseguenze disastrose dal punto di vista sociale ed economico, in termini di vittime e distruzione, hanno avuto anche un impatto drammatico sull’industria assicurativa.

I DANNI CATASTROFALI COLPISCONO ANCHE LE ASSICURAZIONI

Tale settore, nel suo complesso, a causa delle catastrofi di maggiore portata si è rivelato in difficoltà nel sopportare il pesante onere economico conseguente a tali eventi. Si può portare ad esempio l’uragano Andrew, il quale devastò il 24 Agosto del 1992 la costa della Florida, causando, direttamente ed indirettamente, oltre 38 vittime e danni per più di 26 miliardi di dollari; oppure l’uragano Katrina, che rientra anch’esso tra i sei uragani più devastanti della storia. L’uragano Katrina ha avuto luogo nella settimana del 23 Agosto del 2005 nella zona meridionale degli Stati Uniti accanendosi maggiormente sulla cittadina di New Orleans; i danni registrati sono di portata immensa, circa 900 morti e danni economici che si aggirano sui 30 miliardi di dollari.

Risulta evidente che una singola compagnia assicurativa non potrebbe mai essere in grado di sostenere da sola la copertura di somme di questo calibro; successivamente ad Andrew, per il quale neanche il ricorso alla riassicurazione si rivelò del tutto sufficiente, nove compagnie assicurative di piccole e medie dimensioni sono fallite in quanto impossibilitate a far fronte agli ingenti flussi di richieste di indennizzo che si manifestavano in un breve lasso di tempo a seguito di eventi ad elevato tasso di distruzione.

INSURANCE LINKED SECURITIES

Pertanto, in un tale scenario, si rendeva necessaria una soluzione innovativa che consentisse alle compagnie di assicurazione di attuare una migliore gestione dei rischi nel loro portafogli, caratterizzata dalla cessione degli strati più alti degli stessi a terzi soggetti che avessero maggiori capacità di capitale o una struttura di diversificazione più efficiente. Sulla base di questo ragionamento si è fatta largo sul mercato una nuova tipologia di titoli derivanti dalla cartolarizzazione, effettuata mediante l’ausilio di società veicolo, dei rischi derivanti dall’assicurazione di eventi catastrofali.

Il collocamento di questi titoli, chiamati “Insurance Linked Securities” (ILS), sul mercato dei capitali consente l’accesso a capitali pressoché illimitati in quanto le possibilità di ingresso e diversificazione degli investimenti per gli investitori sono innumerevoli. Inoltre il settore assicurativo trova qui una valida alternativa alla riassicurazione tradizionale.

In pratica le Insurance Linked Securities costituiscono un asset realizzato con lo scopo di trasferire i rischi dal settore assicurativo al mercato dei capitali. Attraverso questi strumenti complessi è possibile diversificare le fonti di rischio, ottenere dei benefici dal punto di vista dell’investimento finanziario e limitare l’impatto delle regolamentazioni in merito alle riserve obbligatorie di capitale.

La categoria più diffusa di ILS è quella dei Cat bonds, i quali nella struttura sono molto simili alle obbligazioni comuni: offrono delle cedole intermedie e la restituzione del valore nominale alla scadenza; l’innovazione consiste nel fatto che l’effettiva corresponsione del rendimento promesso dipende dal verificarsi o meno dell’evento dannoso cui è associato il bond, il quale nel primo caso, qualora si verifichino determinate condizioni contrattualmente specificate, causa la perdita totale o parziale del capitale investito che va così a coprire le richieste di indennizzo sopportate dalle industrie assicurative sponsor dei bonds.

Questi strumenti rappresentano un’opportunità di investimento alternativa, in special modo per gli investitori istituzionali che ne fanno il più largo uso, e conferiscono un’utilità comprovata per gli assicuratori. Infatti, benché risulti improbabile che le ILS riescano, in un futuro, a soppiantare integralmente la riassicurazione tradizionale, sicuramente collaboreranno al completamento e all’espansione del settore assicurativo.

 

PCA supporta il proprio Cliente nella valutazione del rischio ambientale correlato all’esercizio della propria attività, tramite un approfondito checkup ed una consulenza analitica, che consente di raggiungere una corretta consapevolezza e trasferire eventualmente il rischio attraverso la stipula di un’assicurazione tailor-made.

Per scoprire la nostra storia di innovazione e assistenza su misura del Cliente, vi invitiamo a consultare la nostra presentazione: link di download

Siamo sempre a vostra disposizione per una valutazione preventiva del rischio della vostra azienda: basta solo contattarci.

Vi invitiamo a seguire anche il nostro profilo Twitter per seguire le innovazioni e i trend di sviluppo per il mercato delle assicurazioni.

Grazie per l’attenzione e la lettura!

I have read the Privacy Policy and give my consent to data handling*