Flotte aziendali: sempre più elettriche

Flotte aziendali: sempre più elettriche

Flotte aziendali

Brutti tempi per le auto alimentate a diesel: in Italia e in Europa sono finite nel mirino di legislatori ed ambientalisti per gli effetti delle loro emissioni. Ma ogni difficoltà si può trasformare in nuova opportunità. E’ così che la stretta sui motori diesel spinge giocoforza a puntate sulle auto elettriche o ibride. Fin qui niente di nuovo. Ma la vera novità è che il soggetto principale nell’adozione di auto elettriche non sono (non ancora) i privati, quanto le aziende e le loro flotte.

DAL RISCHIO ALL’INNOVAZIONE

Il rischio di vedere bandite del tutto le auto diesel è un rischio che le aziende non possono correre, vedendosi così quasi costrette a rinnovare le flotte o, comunque, a scegliere veicoli alimentati con altri tipi di carburante per le proprie flotte aziendali.

L’effetto collaterale positivo è un maggiore ricorso all’ibrido o all’elettrico (EV), visto che anche i motori a benzina non sono esenti da critiche in quanto a quantità di CO2 prodotta e rischiano di essere messi al bando dai centri storici di alcune delle maggiori città europee.

PARLANO I NUMERI

In termini numerici stiamo parlando di poco più di 3.500 unità in Italia vendute da gennaio ad agosto 2018.

Di questi veicoli a zero emissioni immatricolati nel 2018, ben 2.795 sono entrate a far parte di flotte aziendali, un dato in crescita del +124% rispetto allo scorso anno, secondo le statistiche Dataforce, quando le auto elettriche comprate dalle aziende erano state 1.244, a conferma della crescente fiducia che i Fleet Manager dimostrano nel futuro degli EV.

SERVE PIÙ SOSTEGNO

A frenare una più ampia diffusione dei veicoli elettrici sono ancora la scarsa autonomia dei veicoli, la carenza delle infrastrutture, i prezzi elevati, i canoni ancora troppo alti, nonché la mancanza di incentivi. Fa riflettere che in Paesi come la Norvegia (62mila EV immatricolati lo scorso anno), la Germania (55mila EV), la Gran Bretagna (47.000, +27%) e la Francia (37.000 e +26%), che da soli rappresentano il 70% delle vendite di auto elettriche in Europa siano presenti incentivi diretti, con contribuiti economici, sconti sull’IVA e riduzioni delle tasse.

IL FUTURO È PRONTO

Nuove tecnologie e flotte aziendali di auto: è in aumento l’uso di dispositivi telematici a bordo delle flotte aziendali. Oltre il 60% delle aziende di medio-grandi dimensioni li utilizza e il 57% sta valutando di ampliare la propria dotazione di device e connettività. Lo rivela l’ultimo studio promosso da Top Thousand, osservatorio sulla mobilità aziendale composto da Fleet e Mobility Manager di grandi aziende.

Telematica e flotte, insieme, offrono numerosi vantaggi. In dettaglio, i Fleet Manager amano più di tutto la verifica e il monitoraggio della manutenzione. Seguono i furti e le appropriazioni indebite, la gestione dei crash (22%) ed infine altri indicatori importanti come il livello dei consumi di carburante, anche al fine di evitare eventuali truffe, e gli stili di guida dei driver, con l’obiettivo di responsabilizzarli per ridurre i costi assicurativi.

ARRIVA IL COMPANY CAR SHARING

Nuovi ed innovativi sistemi possono portare il car sharing tra le auto delle flotte aziendale, permettendo di ottimizzare le flotte aziendali diminuendo i costi generali della mobilità dell’impresa e permettendo ai dipendenti di poter utilizzare i veicoli anche per il tempo libero.

Il car sharing entra così all’interno del parco auto aziendale. I fleet manager possono offrire alcune auto della flotta ai dipendenti che non dispongono di un’auto aziendale, che possono quindi utilizzarle per le trasferte o per gli spostamenti quotidiani – il tutto sempre secondo le policy aziendali.

Il company car sharing dovrebbe influire positivamente sulla vita dei dipendenti che possono prenotare una delle auto aziendali in sharing tramite un app da scaricare sul proprio smartphone. Ma possono anche eliminare lo stress dell’utilizzo di mezzi pubblici o per la ricerca di un veicolo per raggiungere il posto di lavoro, ma avranno il vantaggio di poter utilizzare tali veicoli anche durante il week-end.

I risparmi per l’azienda sono legati alla riduzione, da parte dei dipendenti, dell’utilizzo di taxi (-29%) e di auto a noleggio a breve termine (-34%), il tutto con un parco vetture di poche decine di unità.

Le piattaforme digitali del company car sharing consentono ai Fleet Manager di avere in tempo reale una serie di informazioni in arrivo dai sistemi di comunicazione di bordo (es.: il livello di carburante rimasto, i rifornimenti effettuati, i km percorsi, la localizzazione della vettura in caso di furto…).

Per scoprire i nostri servizi dedicati alle Flotte Aziendali, il nostro Head Office Davide Alberti è a vostra disposizione: davide.alberti@pcabroker.com e https://www.pcabroker.com/en/automotive/

Per conoscere in dettaglio la nostra consulenza strategica e i nostri servizi innovativi, potete iniziare subito con due risorse fondamentali:

  • Scoprire la nostra storia di innovazione e assistenza su misura del Cliente consultando la nostra presentazione: link di download
  • Conoscere i nostri servizi specializzati sul Risk Consulting, con tutte le informazioni nella nostra apposita brochure: link di download

Siamo sempre a vostra disposizione per una valutazione preventiva del rischio della vostra azienda: basta contattarci.

Grazie per l’attenzione e la lettura! Vi invitiamo a seguire anche il nostro profilo Twitter per seguire le innovazioni e i trend di sviluppo per il mercato delle assicurazioni.

I have read the Privacy Policy and give my consent to data handling*