Automotive e assicurazioni: entra in gioco la cybersecurity

Automotive e assicurazioni: entra in gioco la cybersecurity

I quanti per la finanza - PCA Consultative Broker

In un futuro sempre più prossimo i veicoli saranno collegati in modo permanente e senza interruzioni. Questo serve per nuove funzioni, ad esempio l’infotainment durante i lunghi viaggi e la gestione intelligente del traffico. Allo stesso tempo, la connettività a tutto campo sarà anche la chiave per i veicoli a guida autonoma. Tuttavia, nuove funzioni come gli aggiornamenti wireless e l’elettronica del veicolo comportano rischi, soprattutto quando si tratta di scambio dati tra l’automobile e l’ambiente esterno. Pertanto, per la sicurezza informatica dei nuovi veicoli è al centro dell’interesse anche per le assicurazioni.

L’INCREDIBILE CONNETTIVITÀ DELLE AUTO

Nel mondo automotive, per garantire la protezione di tutti gli elementi importanti nel veicolo dalle minacce alla sicurezza è opportuno effettuare un “cybersecurity assessment” che consenta di analizzare le minacce e valutare i rischi associati.

Il veicolo oggi è inserito in un ecosistema dove, oltre al conducente e ai passeggeri sono coinvolti altri elementi che interagiscono con esso: infrastruttura stradale, messaggistica di traffico e navigazione, applicazioni software di vario genere, fornitori di componenti ed in generale il mondo Cloud e IoT.

Ogni singolo elemento di questo ecosistema deve avere un ruolo attivo nella cybersecurity, a partire dal riconoscimento delle reali possibilità di effettuare “hacking” dei veicoli.

Oggi, nel 2020, possiamo affermare che un’autovettura generica possiede ormai circa un centinaio di cosiddette ECU (Electronic Control Unit), corrispondenti a circa 100 milioni di linee di codice che risultano impressionanti se paragonate ai 24 milioni di linee utilizzate per un velivolo militare e ai 12 milioni di linee di uno smartphone Android. Ancora più notevole è che questa quantità di dati è in continua espansione perché la connettività è essa stessa in continua crescita.

INGRANARE UNA MARCIA IN PIÙ

La cybersecurity si concentra sempre di più sugli oggetti “embedded”, ovvero tutti quegli oggetti dotati di un microprocessore o microcontrollore e un banco di memoria, come ad esempio i pendrive USB, un decoder TV, il router Wi-Fi domestico, un telecomando, gli smartphone e così via.

Nel mondo automotive, il principale oggetto “embedded” è la ECU (Electronic Control Unit) ovvero la centralina elettronica che governa le diverse funzioni del veicolo. In linea di massima, la struttura delle macchine intelligenti è suddivisa in sottosistemi, ognuno preposto e separato dagli altri per ciascuna funzione, alcune delle quali hanno chiaramente impatti anche sulla sicurezza delle persone a bordo: Power Train System; Chassis Control System; Body Control System; Infotainment System.

CYBERSECURITY PER L’AUTOMOTIVE – IN QUATTRO STEP

La sicurezza informatica è uno dei compiti principali per l’intero settore automotive e si può affrontare in quattro step fondamentali:

  1. Proteggere i singoli componenti elettronici, che fungono da piccoli computer responsabili di tutti i tipi di funzioni nel veicolo.
  2. Proteggere la comunicazione tra questi singoli componenti.
  3. Proteggere le numerose interfacce tra il veicolo e il mondo esterno.
  4. Proteggere il trasferimento e l’elaborazione dei dati all’esterno del veicolo.

 

Raggiungere un efficace standard di cybersecurity è un imperativo per l’automotive perché in questo modo si possono garantire sviluppi notevoli, per gli utenti, l’ambiente e soprattutto il settore economico.

In questo senso l’industria automobilistica ha compiuto significativi progressi negli ultimi anni nel lavorare per realizzare queste aspettative – ma è l’industria assicurativa a dover tracciare la via maestra perché sono le assicurazioni al crocevia tra automotive ed utenti finali. La sicurezza è un bene pubblico fondamentale ma è anche la condizione altrettanto fondamentale per uno sviluppo sostenibile: le assicurazioni sono l’interfaccia comune a questi due grandi ambiti e devono avere un ruolo di primo piano nello sviluppo della cybersecurity per l’automotive.

 

Per approfondire i modi con cui proteggere e promuovere il proprio business sui trasporti, il nostro Head Office Davide Alberti è a vostra disposizione: davide.alberti@pcabroker.com e https://www.pcabroker.com/en/automotive/

Per conoscere in dettaglio la nostra consulenza strategica e i nostri servizi innovativi, vi invitiamo a consultare la nostra presentazione: scarica qui.

Vi invitiamo a seguire anche il nostro profilo Twitter per seguire le innovazioni e i trend di sviluppo per il mercato delle assicurazioni.

Grazie per l’attenzione e la lettura!

    I have read the Privacy Policy and give my consent to data handling*

    Categories
    Archives
    2020 (88)
    2019 (101)
    2018 (73)
    2017 (6)