Le sfide di tasso e capacità che guidano la maturità della gestione del rischio in Italia

Le sfide di tasso e capacità che guidano la maturità della gestione del rischio in Italia - PCA Consultative Broker

Vi proponiamo il testo integrale dell’intervista del nostro Presidente e CEO Roberto Armana a “Commercial Risk” per il report “European Risk Frontiers”, promosso dal network Brokerslink, di cui PCA Consultative Broker è il membro rappresentante per l’Italia.

Come nel resto del mondo, stiamo assistendo a un inasprimento delle tariffe in tutte le linee di business in Italia. Le linee principali in cui si sta verificando l’indurimento sono le linee immobiliari, finanziarie, in particolare D&O, e le fideiussioni.

L’Italia è il mercato più importante per fideiussioni e garanzie in Europa. La recessione economica causata dalla pandemia ha visto soffrire le imprese edili e industriali. L’edilizia viveva già da diversi anni condizioni difficili e la pandemia era, come si potrebbe dire, l’ultima pagina di un voluminoso libro di incertezze e cattive notizie per il settore!

Dal punto di vista assicurativo, il settore delle costruzioni e dell’ingegneria ha il potenziale per alcune interessanti opportunità nei prossimi anni. L’aumento degli investimenti, da parte dell’UE e degli Stati Uniti, concentrati nel settore delle costruzioni, è visto come un motore principale per la crescita economica. È interessante notare che, a fronte di questo crescente investimento in infrastrutture, abbiamo un mercato delle assicurazioni “soft” per le linee di ingegneria correlate. Tutti i rischi di costruzione, tutti i rischi di montaggio e i tassi di copertura delle attrezzature non si stanno rafforzando. Questa combinazione potrebbe offrire un forte potenziale di crescita in queste linee.

Per quanto riguarda l’interruzione dell’attività (BI), elemento importante della copertura in Italia, le perdite contingenti per interruzione dell’attività, sono un focus centrale per il settore delle grandi aziende. Fino alla pandemia, era difficile immaginare un evento che potesse innescare un livello di perdita così significativo – non è così ora.

Abbiamo investito molto in attività di consulenza sui rischi per i nostri clienti per aiutarli a mappare, valutare e gestire i rischi, tutti fattori importanti a supporto delle attività di collocamento. Abbiamo sicuramente visto un aumento del livello di sensibilità e riconoscimento dell’importanza della BI e, soprattutto, delle esposizioni contingenti alla BI.

Nell’ambiente dei sinistri non stiamo riscontrando problemi specifici. Il processo di claims è più lento, ma non stiamo assistendo a più controversie o contenziosi. Avere a che fare con gli assicuratori di primo livello con rating finanziari e prestazioni più forti è un fattore importante.

Quando il lavoro a distanza è un ostacolo

Oltre ai tassi, le posizioni sui termini e le condizioni delle politiche e sulla disponibilità di capacità si stanno deteriorando. In parte, ciò riflette i tempi difficili che gli assicuratori stanno affrontando. Tuttavia, di fronte alla capacità ridotta e all’aumento dei prezzi, è deludente sperimentare quello che chiamerei “l’abuso” del lavoro a distanza da parte di alcuni assicuratori. Quando si tratta di accessibilità e processo decisionale nell’ambiente virtuale, gli assicuratori sembrano essere dietro la curva.

Abbiamo messo in atto una serie di misure di sicurezza Covid-19 per il nostro personale, il che significa che siamo stati in grado di incontrare i clienti in modo adeguatamente sicuro, e non solo virtualmente. Tuttavia, il rapporto con le compagnie di assicurazione è ancora limitato al lavoro a distanza. Continuiamo a negoziare tramite Teams, Zoom e Skype. È paradossale che, nonostante i vantaggi in alcuni aspetti di questo mondo virtuale, stia avendo un impatto sul modo in cui facciamo affari. Nel bel mezzo del hard market, il legame tra questo contatto ridotto e prezzi più alti sembra chiaro. Di conseguenza, non vedo questo cambiamento nel 2021 e il rafforzamento continuerà. Attendiamo tutti con impazienza questo cambiamento poiché assistiamo all’allentamento di ulteriori restrizioni.

Come hanno cambiato i client il loro approccio al Risk Management

Di fronte alle sfide in termini di velocità e capacità, è stato interessante vedere che i clienti aziendali non hanno appetito per opzioni alternative di trasferimento del rischio.

Ciò che era evidente, alla fine del 2020 e nella prima parte di quest’anno, erano i clienti che hanno adottato un approccio diverso nella valutazione dei propri rischi. Ciò è stato guidato dal desiderio di essere più flessibili e di “attrarre” il mercato assicurativo per garantire una copertura. Ad esempio, abbiamo visto un certo numero di nostri clienti immobiliari utilizzare attività di prevenzione delle perdite e ingegneria del rischio per essere più efficaci nel presentare i propri rischi e le esigenze di copertura.

Si tratta di un mercato difficile in evoluzione e di un mercato di “cherry-picking” con sottoscrittori che cercano i rischi positivi ed evitano quelli negativi. Di fronte a tali dinamiche di mercato, i clienti devono fare di più che dire “ecco il rischio, questa è la politica e il prezzo”. Devono pensare fuori dagli schemi e dimostrare capacità, professionalità e prestare maggiore attenzione alle loro esposizioni. Se c’è una gestione del rischio positiva dalla pandemia è che i clienti sono più in sintonia con la necessità di valutare e gestire i propri rischi in un modo diverso. Si tratta di un approccio più maturo rispetto al passato e dimostra che i clienti comprendono le esigenze dei sottoscrittori.

Solide relazioni broker / cliente

Il rapporto broker / cliente sta migliorando, e questo riflette il ruolo sempre più importante che il broker svolge come consulente del rischio in tempi così difficili, e questo è apprezzato dal cliente più ora che in passato. Abbiamo diversi clienti che esprimono preoccupazioni circa l’impatto dell’inasprimento delle tariffe; non solo in termini di prezzi e termini e condizioni, ma anche in termini di capacità di trovare la copertura e la capacità di cui hanno bisogno per coprire le loro esposizioni. I clienti riconoscono la nostra professionalità e capacità di trovare soluzioni di rischio per coprire posizioni impegnative.

Abbiamo visto una consapevolezza emergente tra i gestori del rischio che, indipendentemente dalla determinazione della strategia futura, dalla pianificazione della diversificazione, dall’acquisizione di un’impresa o dal lancio in un nuovo paese, tutto inizia con il rischio. Prima del 2020, legale e finanziario erano i principali driver che affrontano tutti questi aspetti, ma oggi il rischio gioca un ruolo importante. I clienti hanno una maggiore comprensione dell’impatto del rischio sui loro bilanci. Valutano e misurano questi rischi per ottenere una piena comprensione delle loro esposizioni e di ciò che è necessario per coprirli. Questa maturità nella comprensione ha prodotto un appetito diverso, una sensazione diversa riguardo alle sfide che devono affrontare.

Il mercato italiano è sempre stato uno dei più bassi in Europa per la spesa assicurativa (definita come rapporto tra premi lordi diretti e prodotto interno lordo) e in fondo alla classifica per quanto riguarda l’analisi dei rischi. La lezione chiave per alcuni decisori nelle società di grandi e medie imprese è stata il miglioramento della comprensione dei rischi, delle loro dimensioni e della frequenza potenziale dell’esposizione. Inoltre, un cambiamento nella percezione e nella consapevolezza dell’assicurazione viene vista come una “merce” per riconoscere che l’assicurazione e l’analisi dei rischi svolgono un ruolo importante nella loro strategia aziendale. Non stai semplicemente acquistando una copertura; stai investendo in professionalità e conoscenza per guidare la crescita aziendale.

Dagli impatti negativi del Covid-19, vedo opportunità per l’economia italiana di rafforzarsi e questo inizierà con le assicurazioni e l’analisi dei rischi.

Categorie
Archivio
2021 (69)
2020 (93)
2019 (101)
2018 (73)
2017 (6)