Le assicurazioni “in guerra” per proteggere dai nuovi rischi geopolitici

Le assicurazioni devono fronteggiare un nuovo rischio, la guerra, Pca Broker (2)

Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, più di 750 compagnie occidentali hanno lasciato la Russia o ridotto le operazioni. Le aziende nei settori sanzionati sono state costrette ad andarsene; altre lo hanno fatto a sostegno dell’Ucraina oppure a seguito della pressione dei consumatori.

Ma le aziende che rimangono in Russia potrebbero avere difficoltà a ottenere l’assicurazione perché il rischio è assicurare aree soggette a sanzioni statunitensi, britanniche o dell’UE. In questo caso le aziende che violano le sanzioni devono affrontare sanzioni significative, in particolare dal governo degli Stati Uniti, le cui pene vanno da multe da un milione di dollari a pene detentive per i dirigenti.

LA GEOPOLITICA RITORNA UN RISCHIO

La geopolitica sta causando problemi diversi anche ad altre attività. Dopo oltre tre decenni di globalizzazione, le aziende finiscono nel mirino dei governi che vogliono vendicarsi contro altri Paesi. Ad esempio, Pechino ha ridotto l’accesso al mercato cinese per le aziende australiane, taiwanesi e di altri paesi. La Russia prevede di sequestrare i beni delle aziende occidentali che stanno lasciando il paese.

L’assicurazione, ovviamente, ha lo scopo di proteggere le aziende da vari rischi. Ma il sequestro di beni come strumento geopolitico non si adatta perfettamente a una categoria assicurativa. “Gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’UE hanno cercato di armonizzare le loro sanzioni, ma ci sono ancora differenze significative e ognuna è una trappola“, afferma Neil Roberts, capo della marina e dell’aviazione presso l’ente del settore assicurativo Lloyd’s Market Association.

Per gli assicuratori non c’è (quasi) scelta. Se vogliono continuare ad assicurare, devono mettere in conto il rischio sanzioni. Inoltre, c’è anche un aspetto morale e reputazionale, perché stiamo assistendo a un aumento dell’”auto-sanzione”, ovvero le aziende decidono spontaneamente di ritirarsi dal mercato russo o ucraino anche se sono autorizzate a commerciare.

RISCRIVERE IL RISCHIO “GUERRA”

Nel frattempo, le sospensioni delle importazioni motivate geopoliticamente o le tariffe punitive sono costate, ad esempio, ai produttori di vino australiani il 96% delle loro esportazioni in Cina. Così le assicurazioni valutano di formulare un’assicurazione sulla guerra intesa come effetto collaterale sull’economia. È il concetto stesso di “guerra” a richiedere un aggiornamento generale.

Il settore assicurativo si sta affrettando ad aggiornare la definizione di guerra“, afferma Julian Enoizi, che fino all’inizio di questo mese era amministratore delegato di Pool Re, un assicuratore di terrorismo sostenuto congiuntamente dal settore assicurativo e dal governo del Regno Unito. “Ma ci saranno delle lacune, che creeranno incertezza. Le aziende potrebbero pensare di avere una copertura e scopriranno di non averlo, oppure vorrebbero acquistare un’assicurazione ma non possono“.

Poiché il confronto a causa della guerra tra Stati continua a proliferare, le aziende dovranno affrontare altre nuove e costose contingenze che non si adattano perfettamente alle categorie assicurative esistenti. Gli assicuratori si trovano persino a dover modellare e valutare eventuali rischi derivanti da azioni ostili del governo spesso imprevedibili – e che ancora non esistono. “Anche il cambiamento climatico è più facile da modellare rispetto alle attività legate alla guerra“, osserva Enoizi. “Il sottoscrittore medio non può sapere di cosa è capace uno stato-nazione“.

Le odierne dispute geopolitiche sono così pericolose per le imprese perché si svolgono in un mondo globalizzato. Le operazioni internazionali, le supply chain e le vendite sono, ovviamente, un prerequisito per un continuo successo finanziario. Ma ora questa presenza così diffusa su scala mondiale sta diventando una vulnerabilità.

È SOLO L’INIZIO?

Nel suo rapporto sui rischi emergenti del 2021, i Lloyd’s di Londra suggeriscono che sta emergendo un divario nella protezione assicurativa geopolitica. Come gli assicuratori che decidono di sospendere la copertura per non rischiare di violare inconsapevolmente le sanzioni, i sottoscrittori potrebbero concludere che non vale la pena cercare di assicurare le minacce inconoscibili poste da governi litigiosi. Così, senza un’assicurazione disponibile per proteggerli, le aziende potrebbero concludere che alcuni tipi di attività non sono più fattibili.

PCA resta al fianco dei suoi interlocutori per monitorare, aggiornare e confrontarsi su queste dinamiche e fornire una consulenza strategica tempestiva e a tutto campo.

 

Siamo a vostra disposizione per continuare e approfondire la conversazione su questo tema e sull’innovazione nel campo digital compilando la form qui sotto – per contribuire a ridurre il costo dei rischi per le vostre aziende trasformando il rischio in opportunità di crescita.

Se invece volete scoprire la nostra storia di innovazione e assistenza su misura del Cliente, vi invitiamo consultare la nostra presentazione.

Seguite anche il nostro profilo Twitter per seguire le innovazioni e i trend di sviluppo per il mercato delle assicurazioni.

Grazie per l’attenzione!

    Ho preso visione dell'Informativa sulla Privacy e presto il consenso al trattamento dei dati*

    Categorie
    Archivio
    2022 (35)
    2021 (87)
    2020 (93)
    2019 (101)
    2018 (73)
    2017 (6)