I broker e la capacità di prevedere il futuro: un successo concreto

I broker e la capacità di prevedere il futuro: un successo concreto

I broker e la capacità di prevedere il futuro: un successo concreto, Pca

I broker assicurativi e la capacità di prevedere il futuro

 

Domenica 15 luglio la Francia ha battuto in finale la Croazia per 4-2 a Mosca domenica 15 luglio 2018 aggiudicandosi per la seconda volta nella storia i Mondiali di Calcio. Al di là delle analisi e previsioni degli esperti di calcio, che non avevano scommesso molto sulla vittoria finale dei “Bleus” e nemmeno sulla loro marcia verso la finale, c’era una fonte internazionale di indubbio prestigio che aveva predetto proprio la vittoria francese – prima ancora che i Campionati del mondo iniziassero in Russia.

La stessa fonte aveva correttamente previsto la vittoria della Germania all’edizione precedente dei Mondiali, nel 2014 in Brasile. Nessuna profezia e nessun colpo di fortuna. Solo un calcolo scientifico.

Questa fonte sono i Lloyd’s di Londra, la plurisecolare corporazione inglese di assicurazioni nata verso la fine del XVII secolo e situata nel principale distretto finanziario della City. I Lloyd’s non sottoscrivono assicurazioni in proprio nome, che sono invece lasciate ai membri. La corporazione opera in modo efficace come un regolatore del mercato, stabilendo regole in base alle quali i membri possono operare e offrire servizi centralizzati agli altri operatori iscritti. Ci sono due categorie di persone e imprese che operano presso i Lloyd’s. I primi sono soci o dei fornitori di capitale, gli underwriters (letteralmente “sottoscrittori”), i secondi sono agenti, broker e altri professionisti che sostengono i soci, sottoscrivono i rischi, e rappresentano i clienti all’esterno.

Come hanno fatto i Lloyd’s di Londra a centrare la previsione sulla vittoria della Francia ancora prima che iniziassero i Mondiali? E’ stato possibile sulla base di un’analisi realizzata a inizio giugno, sui valori assicurabili delle nazionali partecipanti ai Mondiali FIFA 2018.

I Lloyd’s hanno pubblicato una ricerca assieme al “Center for Economics and Business Research” (Cebr) stilando una classifica dei Mondiali FIFA 2018 basata sul valore assicurabile collettivo dei giocatori. Il valore complessivo di tutte le squadre è stimato in 13,1 miliardi di sterline.

La Francia (£ 1,4 miliardi), l’Inghilterra (£ 1,17 miliardi) e il Brasile (£ 1,1 miliardi) vantano le tre rose più costose in termini di valore assicurabile.

Questa analisi ha permesso ai Lloyd’s di prevedere chi si sarebbe qualificato nei rispettivi gruppi. Successivamente, Lloyd’s ha tracciato il percorso di ogni squadra nella fase a eliminazione diretta in base ai loro valori assicurabili. La squadra con il più alto valore assicurabile in ogni partita è la squadra che Lloyd ha decretato vincitrice.

Dopo tutto questi sono stati definiti i Mondiali del lusso. La Russia, per ospitare le 32 Nazionali che si contenderanno il trofeo più ambito, ha speso oltre 11 miliardi di dollari. Putin ha ovviamente interesse affinché tutto vada per il meglio in una manifestazione in cui gli occhi del pianeta saranno tutti su Mosca. Perciò non ha badato a spese: il dato ufficiale su quanto sarà costato questo Mondiale si saprà solo più avanti, quando saranno ricompresi anche gli extra che esploderanno nei prossimi anni. Ma è facile prevedere che supererà l’edizione finora più costosa, quella del Brasile dove furono spesi 15 miliardi di dollari.

Per non parlare degli sponsor. In base ai dati diffusi da Nielsen, la Fifa ha incassato 1 miliardo e 450 milioni di dollari tra il Mondiale del 2014 e Russia 2018, invece del miliardo e 629 milioni incassato tra il 2010 e il 2014. Il 39% degli introiti arriva da uno sponsor nuovo di zecca, ovvero la Cina e in particolare Wanda Group, oggi il più importante tra i partner ufficiali della Fifa (accanto a Coca Cola, Adidas, Gazprom, Qatar Airways, Visa e Hyundai/Kia).

Il calcio è solo un esempio: la dimensione economica è una chiave di lettura molto efficace per comprendere la realtà.
E il Campionato mondiale di calcio è solo un esempio di una situazione dove sono in ballo capitali e guadagni enormi ma anche altrettante incertezze.

Le compagnie assicurative, specialmente i consultative broker come PCA, che opera sul mercato anche come Lloyd’s Correspondent Open Market, sono oggi in possesso degli strumenti analitici per gestire e orientare gli investimenti più importanti.

Ho preso visione dell'Informativa sulla Privacy e presto il consenso al trattamento dei dati*