Inclusion & diversity: un futuro più forte, per tutti

Inclusion & diversity: un futuro più forte, per tutti

Inclusion and diversity - PCA Consultative Broker

Viviamo in un mondo complesso e interconnesso in cui la diversità, plasmata dalla globalizzazione e dal progresso tecnologico, costituisce il tessuto della società moderna. Nonostante questa interconnessione c’è anche una crescente polarizzazione – sia nel mondo fisico che in quello digitale – alimentata dalla politica dell’identità e dalla rinascita di ideologie nazionaliste.

Chiaramente i luoghi di lavoro tendono a rispecchiare le dinamiche socioculturali in gioco nella nostra vita al di fuori del lavoro. La diversità sul posto di lavoro è una risorsa sia per le imprese che per i loro dipendenti, perché promuove l’innovazione, la creatività e l’empatia più efficacemente di quanto non facciano ambienti di lavoro più omogenei, quindi dove il conformismo e l’omologazione siano un rischio concreto. Eppure ci vuole un’attenta strategia e una formazione responsabile per liberare il vero potenziale di questa risorsa.

In questa era di globalizzazione, la diversità nell’ambiente imprenditoriale riguarda qualcosa di più del genere, della provenienza e dell’etnia. Ora include dipendenti con diverse convinzioni religiose, culturali e politiche, istruzione, background socioeconomici, orientamento sessuale. Le aziende stanno scoprendo che, sostenendo e promuovendo un ambiente di lavoro diversificato e inclusivo, stanno ottenendo benefici che coinvolgono anche il profitto.

La diversità fa bene agli affari. Creare una forza lavoro veramente diversificata, a tutti i livelli organizzativi, diventa ogni anno più avvincente. L’argomento morale è abbastanza pesante, ma l’impatto finanziario – come dimostrato da più studi – lo rende ancora più convincente.

DISRUPTION E INNOVAZIONE

L’unione di persone di diverse etnie con esperienze diverse nelle città e nelle società è un fattore chiave dell’innovazione. Il cibo che mangiamo ogni giorno è il risultato di questa fusione di culture. I generi musicali di maggior successo, come il jazz, il rock’n’roll o l’hip-hop, sono i prodotti della fusione culturale.

Se guardiamo ai centri urbani più innovativi e prosperi del mondo (New York, Dubai, Londra, Singapore…) vedremo che hanno una cosa in comune. Sono tutti “melting pot” internazionali con un’alta concentrazione di immigrati. La ricerca mostra che esiste una correlazione diretta tra immigrazione altamente qualificata e un aumento del livello di innovazione e performance economica nelle città e nelle regioni.

Singapore è un ottimo caso di studio. Questa piccola nazione insulare del sud-est asiatico, con una popolazione di poco più di cinque milioni, è oggi uno dei centri finanziari più importanti del mondo. Ha ottenuto un punteggio elevato nelle classifiche internazionali per aree diverse come l’istruzione e la facilità di fare business ed è stata riconosciuta come la nazione più innovativa al mondo per la tecnologia. Singapore è anche altamente multiculturale, con un mix etnico di persone di origine cinese, malese e indiana e grandi popolazioni di diversi gruppi religiosi di fede, compresi buddisti, cristiani, musulmani e indù. Quando Singapore ottenne l’indipendenza nel 1965, i suoi padri fondatori istituirono misure che non avrebbero lasciato l’armonia dei popoli al caso. Singapore ha promosso fortemente l’integrazione sociale ed etnica. Una misura importante era la sua politica abitativa, che assicurava che ogni complesso residenziale pubblico seguisse una quota nazionale. Questo costrinse persone di diverse etnie a imparare a convivere e a rompere tutti i ghetti etnici.

Queste misure apparentemente autocratiche hanno facilitato la piccola nazione insulare nello sviluppo di una popolazione ben integrata che valorizza la meritocrazia più dell’appartenenza o della religione.

DIVERSITÀ E PRESTAZIONI AZIENDALI

Esiste un legame profondo tra la diversità e i numerosi vantaggi che apporta ad un’organizzazione: maggiore redditività e creatività, governance più forte e migliori capacità di problem-solving. I dipendenti con background diversi portano con sé le proprie prospettive, idee ed esperienze, contribuendo a creare organizzazioni resilienti ed efficaci, che superano le organizzazioni che non investono nella diversità.

Secondo il rapporto 2018 Hays Asia Diversity and Inclusion, una migliore cultura aziendale, leadership e maggiore innovazione sono stati i primi tre vantaggi della diversità identificati dagli intervistati.

Più che mai, flessibilità e versatilità stanno diventando la chiave del successo per individui, aziende e paesi, e un ambiente culturalmente diversificato è il modo migliore per acquisire queste qualità. Le ipotesi devono essere messe in discussione, è necessario confrontarsi e aggiornare la cultura aziendale in modo che il posto di lavoro moderno possa riflettere e supportare con precisione la popolazione della regione.

IL QUOZIENTE MILLENARIO

Entro il 2025, il 75% della forza lavoro globale sarà composta da “millennial” – il che significa che questo gruppo occuperà la maggior parte dei ruoli di leadership nel prossimo decennio. Saranno responsabili delle decisioni importanti che influiscono sulle culture del posto di lavoro e sulla vita delle persone. Questa generazione ha una prospettiva molto originale sulla diversità: mentre le generazioni più anziane tendono a vedere la diversità attraverso le lenti della razza, della demografia, dell’uguaglianza e della rappresentazione, i millennial vedono la diversità come una fusione di esperienze diverse, background diversi e prospettive individuali. Considerano il posto di lavoro ideale come un ambiente di supporto che dà spazio a diverse prospettive su un dato problema.

Il Deloitte Millennial Survey del 2018 mostra che il 74% di queste persone ritiene che la propria organizzazione sia più innovativa quando ha una cultura dell’inclusione. Se le imprese cercano di assumere e sostenere una forza lavoro millennial, la diversità deve essere una parte fondamentale della cultura aziendale. Questo sondaggio del 2016 mostra che il 47% dei millennial è attivamente alla ricerca di diversità e inclusione nel valutare i potenziali datori di lavoro.

LE DONNE SUL POSTO DI LAVORO

L’uguaglianza di genere rimane un problema importante nel mondo aziendale. Nonostante l’abbondanza di ricerche che confermano che le aziende con più donne nella C-Suite sono più redditizie, c’è ancora un divario di genere nella grande maggioranza delle aziende. Le donne rimangono significativamente sottorappresentate, con un numero inferiore di donne rispetto agli uomini assunti a livello di ingresso e una rappresentanza in calo in seguito ad ogni passaggio successivo.

Le aziende hanno bisogno di un piano completo per sostenere e far progredire le donne. Ciò richiede un cambio di paradigma nella cultura aziendale che includerà investimenti nella formazione dei dipendenti e una maggiore flessibilità dei dipendenti per adattarsi al lavoro nella loro vita.

Un’indagine condotta dal Pew Research Center elenca diversi settori chiave in cui le donne sono più forti come la politica e gli affari. Gli intervistati hanno sottolineato che le donne sono:

  • 34% in più nell’elaborazione di compromessi
  • Il 34% di probabilità in più di essere onesto ed etico
  • 25% in più di probabilità di difendere le proprie convinzioni
  • Il 30% in più di probabilità di fornire una retribuzione equa e benefici
  • 25% di miglioramento nel mentoring

 

Le aziende dotate di prospettiva dovrebbero essere alla ricerca di modi per impiegare e responsabilizzare più donne sul posto di lavoro – non solo come obbligo morale, ma anche come solida strategia aziendale. Il più recente rapporto di Delivering Through Diversity di McKinsey ha rilevato che le società che abbracciano la diversità di genere nei loro team dirigenziali sono  più competitive, hanno il 21% in più di probabilità di sperimentare una redditività superiore alla media e anche una probabilità del 27% di sovraperformare i loro pari sulla creazione di valore a lungo termine. Prospettive diverse sulle esigenze dei clienti, miglioramenti dei prodotti e benessere aziendale alimentano un business migliore.

È stato stimato che la riduzione del divario di genere aggiungerebbe 28 trilioni di dollari al valore dell’economia globale entro il 2025, con un aumento del 26%. In parole povere, le aziende hanno maggiori probabilità di crescere e prosperare quando le donne ottengono maggiore indipendenza finanziaria.

 

Per conoscere in dettaglio la nostra consulenza strategica e i nostri servizi innovativi, vi invitiamo a consultare la nostra presentazione: link di download 

Siamo sempre a vostra disposizione per una valutazione preventiva del rischio della vostra azienda: basta contattarci.

Vi invitiamo a seguire anche il nostro profilo Twitter per seguire le innovazioni e i trend di sviluppo per il mercato delle assicurazioni.

Grazie per l’attenzione e la lettura!

Ho preso visione dell'Informativa sulla Privacy e presto il consenso al trattamento dei dati*