Automotive 4.0: il futuro della mobilità

Automotive 4.0: il futuro della mobilità

“Automotive 4.0” è il prossimo cambiamento evolutivo per il settore automobilistico. I progressi nella guida automatica, nella connettività dei veicoli e nella mobilità condivisa stanno cambiando il volto della mobilità. L’industria automobilistica sta subendo profondi rinnovamenti e si prepara a trasmettere cambiamenti altrettanto forti sugli autonoleggi, il car-sharing, il leasing, le flotte aziendali e i dealers.

Il nucleo dell’Automotive 4.0 è composto da due convergenze:

  • La convergenza tra processi produttivi digital e tradizionali. Declinazione di quell’Industria 4.0 capace di sfruttare il meglio della digital transformation, l’Automotive 4.0 porterà ad un modello di produzione del tutto automatizzata e interconnessa incentrata sul cloud come asset fondante dei servizi.
  • La convergenza tra industrie automobilistiche e tecnologiche. Può sembrare difficile da comprendere ma oggi i consumatori iniziano a preferire un’auto a guida autonoma costruita dai giganti della tecnologia rispetto alle auto dei produttori di automobili – perché i marchi della tecnologia digital sono entrati nella vita quotidiana con una diffusione e una profondità nettamente maggiori rispetto ad un classico marchio automobilistico.

La visione di Automotive 4.0 descrive la lunga evoluzione dell’automobile dalle origini di Karl Benz o della Ford Model T fino alle auto connesse e considerate come una “app digitale” in combinazione con reti diffuse di ricarica elettrica. Entro meno di 20 anni ci saranno decine di milioni di veicoli autonomi. La possibilità di chiamare un veicolo (con o senza conducente) on-demand crea un nuovo modello di accesso condiviso di veicoli e servizi.

È perciò chiaro quanto sia importante per le aziende evolvere i propri modelli di business. I grandi marchi devono diventare più agili per competere meglio con cicli di sviluppo più brevi e un footprint più leggero. Infine, le aziende automobilistiche devono rapidamente colmare lacune di talento, tecnologia e competenze che ne rallentano l’innovazione.

Da Industria 4.0 ad Automotive 4.0

Si chiama Industria 4.0 il nuovo orizzonte di una produzione e di una distribuzione che diventano più smart vale a dire più intelligenti, più veloci e più efficienti.

In che modo? Grazie a un cambio dei paradigmi tecnologici e culturali che, coinvolgendo il sistema manifatturiero in tutte le sue forme, introduce nuovi concept di sviluppo e di servizio all’insegna di una digital trasformation sempre più spesso sinonimo di disruption. I motivi sono diversi, tutti riconducibili a un unico argomento fondamentale: il business. Tradotto, quando un business è disruptive? Quando l’organizzazione rompe col passato, usando l’innovazione digitale per creare prodotti e/o servizi capaci di sfruttare il meglio dell’evoluzione tecnologica per ottenere immediatamente il consenso di un vasto pubblico di utenti (nel vario ruolo di dipendenti, collaboratori, partner o clienti), facendo la differenza nel business.

Il settore dell’Automotive, in particolare, si sta preparando da tempo alla rivoluzione 4.0. I motivi sono diversi: legati ad un cambiamento della domanda e delle logiche di mercato. Da qui ai prossimi 15 anni, tra vetture senza conducente e sviluppo del car sharing, il parco circolante si ridurrà di molto: per questo i brand e i produttori di componenti stanno studiando le contromosse, sviluppando nuovi veicoli all’insegna dell’Intelligent Transport System, focalizzando la progettazione su nuovi prodotti e nuove soluzioni di servizio che stanno portando le industrie a inaugurare nuovi comparti aziendali ma anche nuove modalità di relazione all’interno e all’esterno delle fabbriche.

La nuova chiave: la digitalizzazione nell’Automotive

Per prima cosa sta cambiando il prodotto: le auto sono sempre più tecnologiche e ricche di contenuti digitali che vanno dalla connettività del veicolo fino alla futuristica, ma non troppo, guida autonoma. Insomma, l’auto è digitale grazie ai contenuti software il cui potenziale è abilitato dalla connettività. Inoltre è necessario considerare il cambiamento delle fabbriche e di tutti i processi industriali collegati in conseguenza dell’Industria 4.0 che ha avuto un forte impatto sull’Automotive, per grandi e piccoli produttori.

Cliente 4.0

Grazie alla digitalizzazione, ora c’è un contatto sempre più diretto e personalizzato tra il brand e il consumatore: si tratta di un rapporto che sta a cavallo tra il mondo fisico e quello digitale, ma è decisivo per sostenere la crescita del settore. Pensiamo alle campagne pubblicitarie: un tempo l’advertising era generalizzato e la strategia era quella di inondare il pubblico con messaggi per conquistarne l’attenzione sperando che la comunicazione andasse a segno; in questo modo, però, c’era un certo distacco tra brand e cliente. Un distacco che sta scomparendo grazie al digitale, che ha aperto un canale in cui si possono veicolare messaggi personalizzati per costruire una vera relazione che non si esaurisce dopo l’acquisto, ma prosegue anche negli aspetti legati all’assistenza. Usare le tecnologie digitali cambia la relazione con il consumatore, che diventa Digital Customer, con l’obiettivo di incrementare la soddisfazione del cliente, come anche i guadagni dei dealers.

Business 4.0

Nascono nuovi modelli di business abilitati proprio dal digitale, che ridefiniscono la catena del valore dell’Automotive con nuove opportunità sia per i player tradizionali, sia per i top player high-tech, sia anche per le startup che vogliono conquistarsi uno spazio nuovo in uno dei più grandi settori industriali. I brand sfruttano il canale digitale per acquisire il maggior numero possibile di lead affinché questi siano il più qualificati possibile, per poi accompagnare il cliente nel customer journey con una comunicazione mirata, personalizzata e rilevante rispetto al processo decisionale. Anche in questo caso, la pubblicità è la cartina di tornasole. Le pubblicità online, via email e sui social, con le promozioni a noi destinate non sono più massive come nel passato ma sono sempre più scientificamente focalizzate rispetto ai modelli che abbiamo esplorato online e alle in formazioni che abbiamo fornito in fase di configurazione in Rete.

 

L’Automotive 4.0 è un nuovo universo di innovazione nel business – l’unico modo di comprenderlo è aprire la visione oltre i vecchi confini dell’industria automobilistica. E’ qui che nasce la vera “disruption” e le vere opportunità di business.

 

Per approfondire i modi con cui proteggere e valorizzare vostro business basato sul trasporto con le innovazioni di Automotive 4.0 e scoprire i nostri servizi dedicati alle Flotte Aziendali, il nostro Head Office Davide Alberti è a vostra disposizione: davide.alberti@pcabroker.com e https://www.pcabroker.com/auto/

Intanto, per conoscere in dettaglio la nostra consulenza strategica e i nostri servizi innovativi, potete iniziare subito con due risorse fondamentali:

  • Scoprire la nostra storia di innovazione e assistenza su misura del Cliente consultando la nostra presentazione: link di download
  • Conoscere i nostri servizi specializzati sul Risk Consulting, con tutte le informazioni nella nostra apposita brochure: link di download

Siamo sempre a vostra disposizione per una valutazione preventiva del rischio della vostra azienda: basta contattarci.

Grazie per l’attenzione e la lettura! Vi invitiamo a seguire anche il nostro profilo Twitter per seguire le innovazioni e i trend di sviluppo per il mercato delle assicurazioni.

Ho preso visione dell'Informativa sulla Privacy e presto il consenso al trattamento dei dati*